Exorche va in Olanda e altre storie estere della famiglia Agnelli

Dopo le aziende, l’unica casa reale italiana porta via anche i soldi. Obiettivo: pagare meno tasse sui dividendi. Le storie della cosiddetta “opa pour rire” e del “convertendo”
Exorche va in Olanda e altre storie estere della famiglia Agnelli

La celebre massima di Gianni Agnelli (“ciò che va bene per Fiat, va bene per l’Italia”) – anche declinata in una versione successiva (“quel che è male per Torino è male per l’Italia”) – andrà aggiornata. Exor, la finanziaria della famiglia Agnelli, quella attraverso la quale controlla le sue aziende, oggi guidata da John Elkann, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.