Ex Lucchini, Piombino fermo: il commissario contesta Rebrab

Ex Lucchini, Piombino fermo: il commissario contesta Rebrab

L’impianto è inattivo e il ministero protesta: ieri, il commissario del complesso siderurgico dell’ex Lucchini di Piombino, in amministrazione straordinaria, ha formalmente contestato alle società Aferpi e Cevital dell’algerino Issad Rebrab, che ha rilevato lo stabilimento nel 2014 l’inadempimento degli obblighi di prosecuzione delle attività produttive: il 30 agosto lo stabilimento era inattivo. Il 30 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.