Eternit, reato “scontato”: è omicidio colposo

Esulta la difesa di Schmidheiny, deluse le vittime. Grasso: “Sì in fretta alla legge sull’amianto”

Un’Odissea. Sarà un processo spacchettato, con tempi più stretti, quello contro Stephan Schmidheiny, l’ex proprietario dell’Eternit. Ieri il gup di Torino Federica Bompieri ha preso una decisione che cambia le carte in tavola nel processo “Eternit bis”: l’accusa di omicidio volontario per le morti di 258 persone provocate dall’amianto è stata derubricata in omicidio colposo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.