Espongono lo striscione: “Questa non è la Cina”. E il Dragone si vendica

Parlamento. Gli indipendentisti non potranno insediarsi
Espongono lo striscione: “Questa non è la Cina”. E il Dragone si vendica

“Hong Kong non è Cina”. È bastato uno striscione, esposto da due giovani parlamentari del partito indipendentista, per riportare i rapporti con Pechino indietro di decenni. Lunedì la Cina ha deciso che Yau Wai-Ching (25 anni) e Sixtus Leung (30 anni), entrambi eletti al parlamento di Hong Kong non potranno insediarsi, perchè ritenuti una minaccia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.