» Cronaca
giovedì 07/06/2018

Migranti, il pm Borgna: “Espellere ci costa. Bisogna scegliere in modo oggettivo”

Il magistrato: “L’emblema delle risposte mancate sul tema migranti è il reato di clandestinità. Serve concretezza, basta con l’ideologia”
Migranti, il pm Borgna: “Espellere ci costa. Bisogna scegliere in modo oggettivo”

Magistrato alla Procura di Torino, Paolo Borgna i clandestini ha il compito di perseguirli. Conosce storie, fatti, persone. Sa quanto è difficile affrontare il tema. Se ne occupa dal 1998. E qualche giorno fa su Avvenire ha pubblicato un articolo per nulla scontato e di grande lucidità

Iniziamo allora dal tema delle espulsioni. Aumentarle senza criteri o seguire target precisi?
Fare le espulsioni costa. E allora bisogna scegliere in modo concreto e oggettivo. Partendo – va da sé – da chi in Italia, clandestino, commette reati gravi o mediamente gravi come lo spaccio, le rapine, gli scippi. Espellere tutti coloro che non sono regolari sul nostro territorio vuole dire, ad esempio, espellere tutte le badanti che da noi lavorano onestamente. Ma certo queste sono espulsioni più semplici. Chi lavora, pur irregolare, con sé ha sempre il passaporto. Identificarlo è molto facile. Ma ha senso espellere persone perbene e che vogliono lavorare? Più difficoltoso e lungo, invece, quando si ha a che fare con i criminali che non vanno a fare le rapine con i documenti. E quando vengono arrestati possono, e succede spesso, dare false generalità. Forti del fatto che non saranno scoperti subito. È un iter complesso, ma va perseguito. Espellere le badanti aumenta i numeri, ma non risolve il problema.

Clandestini a parte, c’è poi l’universo complesso dei richiedenti asilo.
Qui i tempi delle decisioni sulle richieste sono lunghi fino a due anni. Oggi le procedure si sono accorciate, ma non di tanto. E comunque sia cosa succede quando la richiesta viene respinta? Lo straniero dovrebbe lasciare il nostro Paese. Cosa che non fa. E le nostre statistiche ci dicono che un certo numero di chi resta entra nel circuito della microcriminalità. Bisogna anche dire che molti degli attuali richiedenti asilo non vedono accolta la loro richiesta, essendo semplicemente rifugiati economici.

Stranieri a spasso per le nostre città pagati da noi, il refrain ormai è noto.
Oggi in Italia non vedo una mancanza della cultura dell’integrazione. Certo, e soprattutto negli ultimi anni, si è sviluppata una insofferenza verso lo straniero. Nella seconda metà degli anni Novanta il problema riguardava le grandi città. Oggi con la diffusione dei Cas (Centri di accoglienza straordinaria) su tutto il territorio nazionale e in particolare nei piccoli comuni il senso di ostilità è aumentato. Personalmente mi è capitato di andare in comuni di 200 abitanti che accoglievano fino a 20 richiedenti asilo.

Sbarchi, trattati di Dublino da modificare, l’Italia lo chiedeva e ora non più…
Su questo fronte, da un lato la politica dell’ex ministro Minniti ha prodotto buoni risultati. Dall’altro, però, ha creato campi, ad esempio in Libia, criticati anche dall’ultimo report del segretario generale dell’Onu. Credo che la gestione di questi campi dovrebbe essere affidata a una missione europea, in cui l’Italia dovrebbe avere un ruolo fondamentale.

Fotografato il reale, che direzione prendere?
Le ricette per alleviare il problema saranno sempre incomplete. La vera soluzione, che deve essere presa a livello europeo, è un Piano Marshall per l’Africa. Bisogna investire denari, ad esempio, sulla classe media che in alcuni Stati africani esiste e vuole esistere. Per quanto riguarda l’Italia, uno dei problemi è l’assenza ormai cronica di un decreto flussi. Se io sono un contadino e voglio venire a coltivare la vite sulle colline del Monferrato, oggi il nostro Paese non è in grado di dare a questa persona una risposta.

Le politiche sull’immigrazione in Italia cosa scontano?
Il problema è sempre stato affrontato su un terreno ideologico. Da un lato la cosiddetta cultura populista ha saputo cogliere le difficoltà dei ceti deboli italiani rispetto ai flussi stranieri. Però questa stessa cultura non ha saputo poi dare soluzioni effettive. Il reato di clandestinità è l’emblema di questa difficoltà a fornire risposte. Dall’altro lato, le élìte europee non hanno colto i temi cruciali, dando risposte spesso astratte. Per questo dobbiamo abbandonare il campo ideologico e puntare sul concreto. Se noi chiediamo agli italiani di far lavorare le badanti ed espellere i criminali, chi dirà di no?

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Processi sotto le tende

Palagiustizia Bari, l’Anm e gli avvocati pagano i bagni chimici

Il procuratore di Bari Giuseppe Volpe ha chiesto al presidente dell’Anm Francesco Minisci la disponibilità a pagare da lunedì prossimo i bagni chimici per la tendopoli allestita dinanzi al Palagiustizia di Bari inagibile. La richiesta è stata avanzata durante la visita a Bari di Minisci, giunto per rendersi conto di persona della situazione di emergenza.

Dal primo giorno di udienze nelle tre tensostrutture, il 28 maggio scorso, e fino alla fine di questa settimana, i bagni chimici sono pagati dall’Ordine degli avvocati di Bari. Da lunedì prossimo si farà carico della spesa l’Anm. Alla richiesta del procuratore Volpe, infatti, il presidente Minisci ha risposto dando la propria disponibilità a contribuire.

“Il ministro della Giustizia nomini un commissario ad hoc dotato di poteri amministrativi straordinari per reperire immobili dove trasferire gli uffici giudiziari di Bari, costretti in queste settimane a svolgere le loro attività in una tendopoli, dopo che il Palagiustizia è stato dichiarato inagibile per rischi crolli. E valuti la sospensione dell’attività giudiziaria e dei termini di prescrizione dei processi il Csm a sollecitare il neo ministro Alfonso Bonafede a intervenire in fretta.

Politica

San Luca, per la terza volta di fila nessuno si è candidato a sindaco

Cronaca

Zaia l’incontenibile: “Ebbene sì, siamo razzisti”

In fiamme le colline di Pisa: 700 sfollati
Cronaca

In fiamme le colline di Pisa: 700 sfollati

di
Il centrosinistra sardo ricasca sull’Urbanistica
Cronaca
Cagliari

Il centrosinistra sardo ricasca sull’Urbanistica

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×