Erranti in Salento: da Enea a Mozart, portati dallo scirocco

Diversa per fondazione, dialetto, carattere e clima, legata al resto della Puglia per tre voti mancanti in Assemblea Costituente, la Terra d’Otranto è rimasta greca, a dispetto di Roma
Erranti in Salento: da Enea a Mozart, portati dallo scirocco

Erranti alla ricerca del luogo ove i fati impongono di ricostruire la patria, i Troiani guidati da Enea si lasciano l’Epiro alle spalle. Iamque rubescebat stellis Aurora fugatis, / cum procul obscuros collis humilemque videmus / Italiam. “E già rosseggiava l’Aurora, fugate le stelle, /quando vediamo oscuri colli e bassa / l’Italia.” È il promontorio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.