“Ero socialista, poi è arrivato Bettino Craxi”

“Ero socialista, poi è arrivato Bettino Craxi”

Com’è che sei diventato socialista? Io stavo con quelli del movimento di Corrente, nato nel ’38, contro la politica culturale del fascismo, insieme a Birolli, Treccani, Joppolo, Grassi. Sono arrivato al socialismo senza fatica, attraverso l’amicizia. Le persone che stimavo, guarda un po’, erano tutte dalla stessa parte. Allora era una conquista anche un libro. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.