Erdogan “pifferaio magico” dei musulmani anti-Israele

Il presidente ripete il mantra che piace all’Islam: “Gerusalemme est ai palestinesi”
Erdogan “pifferaio magico” dei musulmani anti-Israele

Il summit dei Paesi islamici si apre con una preghiera, poi Erdogan parte subito all’attacco: “Bisogna riconoscere Gerusalemme occupata come capitale della Palestina. Invito tutti gli stati che difendono il diritto internazionale a farlo”. Quindi il presidente turco rivolge parole durissime a Israele, definendolo “uno stato terrorista che uccide e imprigiona i bambini”. E nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.