“Era uno scafista aguzzino, per questo lo abbiamo picchiato”

“Era uno scafista aguzzino, per questo lo abbiamo picchiato”

“Due volte a settimana mi facevano mettere i piedi per terra dove avevano versato acqua, poi azionavano la corrente elettrica. Subivo delle scariche elettriche violentissime. Altre volte mi picchiavano con dei tubi in varie parti del corpo e altre volte ancora mi legavano le braccia e poi mi appendevano in aria, per bastonarmi. Una volta, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.