» Cultura
giovedì 23/03/2017

“Era un nomade forte di mille radici”

Lidia Ravera - “Antonio andava al cuore della storia, senza perdersi a giudicare le variabili”
“Era un nomade forte di mille radici”

Quando mi rendo conto, e me ne rendo conto da vicino, nel corso di un’esperienza di servizio pubblico, che la politica sempre di più si configura come geometria bloccata, gioco di ruolo, fra autopromozione e ostruzionismo, mi manca Tabucchi. Mi manca Tabucchi quando sento certi scrittori parlar d’altro o parlar cauto, attenti a non dispiacere […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

C’è un po’ di Tabucchi in ogni scrittore del mondo

Cultura

“Life”, la prima fantascienza dell’era spaziale trumpiana

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style
Cultura
Carpe diem

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×