“Era un nomade forte di mille radici”

Lidia Ravera - “Antonio andava al cuore della storia, senza perdersi a giudicare le variabili”
“Era un nomade forte di mille radici”

Quando mi rendo conto, e me ne rendo conto da vicino, nel corso di un’esperienza di servizio pubblico, che la politica sempre di più si configura come geometria bloccata, gioco di ruolo, fra autopromozione e ostruzionismo, mi manca Tabucchi. Mi manca Tabucchi quando sento certi scrittori parlar d’altro o parlar cauto, attenti a non dispiacere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.