Entrate una tantum o finte: il Bilancio è scritto sulla sabbia

Istat, Corte dei conti, Upb e Bankitalia. Le critiche: soldi incerti coprono nuova spesa corrente; aumenti Iva solo rinviati; godono le grandi imprese
Entrate una tantum o finte: il Bilancio è scritto sulla sabbia

Il linguaggio è quello burocratico delle audizioni parlamentari sui conti pubblici, la maggiore o minore incisività delle critiche dipende dallo stato dei rapporti tra le diverse istituzioni e il governo, ma il quadro d’insieme è coerente: la legge di Bilancio per il 2017 è scritta sulla sabbia, disperde le poche risorse disponibili in bonus elettorali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.