Eni salvato in angolo: l’imputato-chiave ritratta tutto in aula

Eni salvato in angolo: l’imputato-chiave ritratta tutto in aula

Colpo di scena ieri al Tribunale di Milano durante l’udienza del processo Saipem, la controllata di Eni travolta dall’inchiesta giudiziaria per corruzione internazionale. Sul tavolo una maxi-tangente da 197 milioni di dollari finita, è l’ipotesi dell’accusa, nelle tasche dell’ex ministro del Petrolio algerino. In cambio Saipem avrebbe ottenuto sette commesse. Nel processo sono imputati anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.