Eni, l’unico complotto era contro i nemici di Descalzi

L’intreccio giudiziario - Comincia l’inchiesta sulle tangenti che inguaia l’ad e un anonimo lancia l’attacco ai membri del cda ostili, con l’avallo di due Procure
Eni, l’unico complotto era contro i nemici di Descalzi

È il 23 gennaio 2015 quando un esposto anonimo giunge alla procura di Trani. È raro che un anonimo avvii all’istante un’inchiesta, ma di lì a poco la procura apre un fascicolo. Qualcuno vuole “destabilizzare i vertici dell’Eni”: c’è un complotto contro l’ad di Eni, Claudio Descalzi. C’è però una bizzarra coincidenza. In quel momento, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.