Eni, l’Ente nazionale imputati è l’anticamera di un tribunale

I vertici presenti e passati sono a processo o rischiano di finirci, l’azienda li difende, paga i legali e non pubblica i nomi dei dirigenti coinvolti. Alla fine viene punito solo chi fa domande
Eni, l’Ente nazionale imputati è l’anticamera di un tribunale

Per il presidente dell’Eni Emma Marcegaglia è tutto a posto: “Eni negli ultimi 25 anni non ha subito nessuna condanna, neppure in primo grado, per reati societari, frode o corruzione”, ha detto la settimana scorsa agli azionisti durante l’assemblea di bilancio. E per quanto riguarda i due procedimenti in corso a Milano per una presunta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.