“Emilia” in stile italiano: come sacrificare il sogno alla psicanalisi

Lo spettacolo del blasonato argentino Claudio Tolcachir, pur con ottimi interpreti, vira dalla versione originale e racconta l’amore borghese che sconfina in perversione
“Emilia” in stile italiano: come sacrificare il sogno alla psicanalisi

Che sia un appartamento claustrofobico, la mente di una donna fissata, la cella di una ossessionata detenuta, la scena evoca, giocoforza, un carcere, una casa-prigione, reale o immaginaria, in cui è difficile entrare e da cui è impossibile uscire: qui si consuma la tragedia – molto piccoloborghese, per la verità – della famiglia di Walter, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.