Elliott non c’è più, Genish traballa e anche Tim non sta troppo bene

Il Fondo Usa, dopo il ribaltone, ha già mollato la compagnia telefonica. E in autunno potrebbe tornare alla carica Bolloré. I conti del primo semestre vanno male
Elliott non c’è più, Genish traballa e anche Tim non sta troppo bene

I dati certi sono pochi, ma pesano. I conti di Tim nel secondo trimestre arrancano, con antipatiche conseguenze. In 40 giorni, da quando l’assemblea degli azionisti ha eletto il nuovo consiglio d’amministrazione targato Elliott, il titolo dell’ex monopolista telefonico ha perso in Borsa il 20 per cento. La Cassa Depositi e Prestiti ha già perso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.