Eliseo Milani, l’eleganza di un comunista

Provo un persistente senso di colpa per non avere avuto la forza (a causa dell’influenza) di andare a Roma al funerale laico di Eliseo Milani un giorno di fine dicembre 2004. Per quattro anni, dal 1983 al 1987, eravamo stati colleghi nel gruppo della Sinistra Indipendente al Senato. Lui, l’operaio comunista, già segretario della Federazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.