Elie Wiesel, la memoria e l’oblio italiano

La morte sabato scorso di una figura cruciale come Elie Wiesel, premio Nobel per la pace e testimone degli orrori di un secolo, ha inevitabilmente riattizzato il discorso sulla memoria: che fare per non lasciar dimenticare le nefandezze della storia, come letteralmente commemorare (ossia fare davvero memoria insieme) fatti e persone, come innaffiare le radici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.