Elezioni, un rito di autismo corale

Chi ha vinto le elezioni amministrative? Hanno vinto le persone che sono state elette. Nel tempo dell’autismo corale ognuno parla per sé. E ogni elettore è andato a votare in grande solitudine, sapendo di non appartenere a niente e a nessuno. Non c’è lotta politica, non ci sono gruppi che hanno idee diverse sul mondo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.