Ed è subito Pera

L’avevamo lasciato senatore berlusconiano nel gennaio 2013, vigilia delle ultime elezioni, mentre dava l’addio alla politica: “Il mio contributo si è esaurito, ma non l’urgenza di una rivoluzione liberale” (sottotesto: non mi hanno capito). L’avevamo ritrovato nell’ottobre successivo, tra la folla dei 40 mila accorsi in piazza del Popolo a Roma a spellarsi le mani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.