Ecco le purghe del Sultano fra retate, botte e omicidi

Ritmo continuo - Continua la repressione di Erdogan. Ucciso il vicesindaco di Istanbul. Vietate le ferie e minacce a 3 milioni di dipendenti

La violenza non si ferma. Dopo il terremoto del tentato golpe di venerdì, arrivano, come scosse di assestamento, nuove morti. Gli ennesimi episodi di violenza si verificano nelle due città dove la rivolta era andata in scena, Istanbul e Ankara. A farne le spese, a Istanbul, è Cemil Candas, vice-sindaco della città, membro dei socialdemocratici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.