È ungherese il rompicapo al cubo (di Rubik)

È ungherese il rompicapo al cubo (di Rubik)

Era il 1974 quando il professore di architettura e scultore ungherese Erno Rubik diede vita al cubo più fortunato della storia: il cubo di Rubik appunto, anche se il nome originario era magic cube. Un quadrato a sei facce, ognuna composta da nove quadrati colorati. Lo scopo? Riuscire a completare ogni faccia del cubo con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.