“È un peccato grave”: Bergoglio non ha convertito gli obiettori

La “resistenza” di ginecologi e ostetrici - Aborto
“È un peccato grave”: Bergoglio non ha convertito gli obiettori

Rispetto e condivido in parte le parole di papa Francesco sull’aborto, ma resto obiettore, per fede e perché ho scelto di essere un cattolico, da quando ho iniziato questa carriera”. Milano. Paolo Guarnerio, 55 anni, sposato con tre figli, è primario di ginecologia all’ospedale San Carlo Borromeo, una delle strutture più importanti di Milano. “Dirigo un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.