» Cronaca
venerdì 28/12/2018

“È un omicidio con navi italiane” L’accusa del Nyt

Video-denuncia contro Roma e l’Ue per un naufragio di un anno fa: botte dei libici ai migranti, 50 morti
“È un omicidio con navi italiane” L’accusa del Nyt

Patate scagliate addosso ai soccorritori della Sea Watch invece di lanciare giubbotti e salvagente ai naufraghi che stavano annegando. E poi botte ai migranti riusciti a salire sulle motovedette per salvarsi la vita. Ecco i risultati dell’addestramento che l’Italia ha impartito ai libici per far fuori i migranti nel Mediterraneo. È un video pubblicato dal New York Times che parte da una delle più gravi tra le ultime stragi avvenute del Canale di Sicilia, con un commento intitolato: “‘È un omicidio’: come l’Europa esternalizza sofferenza mentre i migranti annegano”.

Era il 6 novembre 2017 e le operazioni in mare erano gestite dalla guardia costiera libica, in accordo con l’allora ministro dell’Interno, Marco Minniti. Il dettaglio non è secondario, lo stesso video mostra la cerimonia di consegna delle motovedette made in Italy ai partner nordafricani. Una delle imbarcazioni, la 648, la ritroviamo proprio al centro dell’azione dove, quel giorno, cinquanta africani vennero inghiottiti dal mare. Al tempo era consentito alle imbarcazioni di soccorso pattugliare lo specchio di mare a cavallo tra le zone Sar (Search and rescue, ricerca e soccorso) di competenza. Al tempo i porti italiani erano aperti, ma il comportamento dei militari libici già al limite della crudeltà. Il video e le foto scattate dal personale della Sea Watch mostrano scene durissime. Un migrante lasciato annegare senza alcun tentativo da parte dei libici di salvarlo: il corpo disperato annaspa per poi sparire sott’acqua, quando il salvagente viene lanciato è tardi. Botte, calci e pugni a uomini appena saliti a bordo delle motovedette, di una violenza ingiustificabile. Il New York Times va giù duro e nel commento, oltre a stigmatizzare attacca i governi italiani. Dalla prova delle motovedette vendute per far fare ad altri il lavoro sporco, al nuovo governo definito “di ultradestra” che “ha completato la strategia”. Matteo Salvini però non viene nominato. L’Italia, sottolinea il Nyt, ha delegato alle autorità della Tripolitania il pattugliamento delle coste e il recupero di qualsiasi imbarcazione diretta a nord. Nulla di nuovo, visto che la Spagna, guidata dal socialista Sanchez e impegnata sul fronte occidentale con un’ondata migratoria senza precedenti, usa il Marocco per “bonificare” il tratto di mare vicino allo stretto di Gibilterra da gommoni e carrette. Gli organismi europei da una parte stimolano il blocco delle migrazioni verso il continente, eppure dall’altra lo condannano. Per l’episodio del 6 novembre 2017, infatti, la Corte europea dei diritti umani sta trattando il ricorso presentato dall’Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione) contro il respingimento collettivo. Sempre l’Asgi ha presentato due ricorsi analoghi per fatti del dicembre 2018 e gennaio 2018; infine altri due, uno sulla cessione delle motovedette e l’altro sull’implementazione dell’accordo Italia-Libia firmato da Minniti.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Coinvolto dirigente caritas

“Frode sui servizi nel Cas di Prato”: gestore agli arresti

Ai migranti veniva dato da mangiare solo una volta al giorno invece delle tre che gli spettavano e capitava dovessero persino cucinarsi i pasti e suddividerseli da soli, le strutture d’accoglienza non venivano pulite e non c’ era il servizio lavanderia, così i richiedenti asilo dovevano recuperare le lenzuola dalla spazzatura per dormire. Di fronte a questi elementi raccolti durante l’indagine iniziata l’estate scorsa, sono scattati gli arresti domiciliari per la presidente del consorzio Astir Loretta Giuntoli e l’interdizione dalla professione per nove mesi per i rappresentanti legali di una cooperativa appartenente allo stesso consorzio, la Humanitas, Roberto Baldini e Alberto Pintus. Il gruppo si occupava della gestione di otto Centri di accoglienza straordinaria (Cas) per richiedenti asilo a Prato, Carmignano e Poggio a Caiano. Pintus si è autosospeso da vicepresidente della Caritas diocesana di Prato, decisione presa in attesa che la sua posizione venga chiarita. Giuntoli invece si dimette dal suo ruolo di presidente dell’Astir per concentrarsi sulla propria difesa. Tutti e tre sono accusati di frode in pubbliche forniture e a Giuntoli vengono contestate anche minacce agli ospiti del centro.

Economia

Banca Carige precipita in Borsa: -18,7%. La corsa disperata per evitare la fine

Cronaca

“A casa Vassallo una strana visita dei carabinieri”

Caro prof, renderemo trasparenti i concorsi
Cronaca
La lettera

Caro prof, renderemo trasparenti i concorsi

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×