E se convenisse abolire la flessibilità?

E se convenisse abolire la flessibilità?

E se l’unico modo per sconfiggere il rigore e l’ossessione dell’austerità fosse un annuncio tipo questo: “L’Italia sceglie di rinunciare a ogni forma di flessibilità”? Per trattare con i tedeschi bisogna parlare il loro linguaggio. Due sere fa, nella residenza dell’ambasciatrice tedesca a Roma, c’è stato un interessante confronto-scontro di culture economiche. Lars Feld, consigliere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.