E ora il Pd di Milano teme l’effetto Boschi sul voto “lumbard”

Un partito considerato vincente e filorenziano comincia a mostrare le prime crepe dopo i disastri d’immagine aretini
E ora il Pd di Milano teme l’effetto Boschi sul voto “lumbard”

Arrivano a Milano gli effetti collaterali del caso Boschi. Sottili incrinature dentro il Partito democratico che potrebbero diventare grosse crepe. Intendiamoci: è considerato un Pd “vincente”, quello milanese, e anche sostanzialmente unito. L’unico che è riuscito a far eleggere un sindaco dem, mentre il partito perdeva via via tutte le grandi città. Un partito renziano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.