È ora di chiedere scusa a Schwazer

Lo Schwazer del titolo immagino ormai, nella lotofagia corrente, vi dica qualcosa di vago: c’era un derby anche su questo nell’estate scorsa, tra i pro e i contro il marciatore olimpionico altoatesino di nuovo coinvolto in una vicenda di doping. Peccato che tra gli anti-Schwazer ci fossero nella realtà la Iaaf, la federazione internazionale di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.