E Milano votò (a porte chiuse): “Ruby” Cocco è nipote di Mubarak

L’assessore - Il consiglio comunale nega il conflitto di interessi della manager
E Milano votò (a porte chiuse): “Ruby” Cocco è nipote di Mubarak

Lunedì 27 febbraio 2017 è successa a Milano una cosa che non accadeva dal 1993: il consiglio comunale si è riunito a porte chiuse e si è espresso a voto segreto. Bisogna tornare alla Milano di Tangentopoli, scossa da Mani pulite, per trovare qualcosa di simile. Il Comune blindato per impedire a stampa e cittadini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.