“È come se fossi ancora al bar: ascolto e porto tutto sul palco”

Il comico romano: “Sono un autodidatta e non ho memoria, non amo neanche i salotti buoni. E forse questo mi danneggia”
“È come se fossi ancora al bar: ascolto e porto tutto sul palco”

Un reality perenne, una sintesi continua, un’interazione progressiva. “Questione di orecchio, è fondamentale. Ascolto, valuto, provo e riporto sul palco tutto quello che avviene nella mia vita”, racconta Maurizio Battista, un tempo oramai lontano barman, oggi uno dei comici più seguiti e prolifici del panorama italiano. Voce roca, toni bassi, modulati, sorriso, un altro sorriso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.