E alla fine Prodi passò dal No al Sì

L’ex premier aveva detto in privato di essere contro la riforma, ma di voler restare fuori dalla contesa. Ora, a tre giorni dal voto, cambia idea: “È un dovere: possibili conseguenze esterne”
E alla fine Prodi passò dal No al Sì

Le riforme proposte non hanno la profondità e la chiarezza necessarie”, la “rissa” che si è creata sul tema “ha trasmesso in Italia e all’estero un senso di debolezza che, qualsiasi sia il risultato di questo referendum, si trasformerà in un periodo di inutile e dannosa turbolenza”. A quattro giorni dal referendum arriva il Sì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.