Dylan Dog scopre l’orrore di una vita da impiegato. Che oggi per tanti è un miraggio

L’indagatore dell’incubo è sempre più sconnesso dalla società
Dylan Dog scopre l’orrore di una vita da impiegato. Che oggi per tanti è un miraggio

Roberto Recchioni può non piacere come sceneggiatore o come “rockstar” del fumetto, ma da quando c’è lui a supervisionare Dylan Dog almeno l’attenzione sulla serie è cresciuta. La macchina umana, l’ultimo numero in edicola, rappresenta per molti aspetti il meglio e il peggio della trentennale pubblicazione della Bonelli. È il meglio perché Alessandro Bilotta è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.