Due volti a confronto: trasfigurato e bello, crocifisso e dolente

La liturgia adotta diversi alfabeti, funzionali alla sua peculiare natura fatta di gesti, parole e segni. I segni, in particolare, hanno una forza espressiva molto marcata per la loro intrinseca capacità comunicativa. Suggestiva è, soprattutto, l’immagine, il cui vigore evocativo è tale da rendere in certo modo presente chi e ciò che viene chiamato in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.