Due “cavalli di Troia” e la Regione Lazio svende il territorio

Emendamenti - Con una proroga apparentemente innocua, il Piano paesistico non potrà più proteggere le aree vincolate
Due “cavalli di Troia” e la Regione Lazio svende il territorio

Vecchie cascine che si trasformano in resort, pezzi storici abbattuti, parchi archeologici sempre meno tutelati. Con una proroga apparentemente innocua, grazie a un paio di articoletti infilati sottobanco, la Regione Lazio svende il suo territorio: il Piano paesistico non potrà più proteggere le aree vincolate, su cui sarà più semplice intervenire. Anzi, rischia di diventare […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.