Dove c’è una nomina, c’è Lotti. Ministri furiosi

Mentre piazzava i suoi nei Cda delle partecipate, il ministro dello Sport si interessava – assieme a Denis Verdini – alla poltrona del presidente dell’Agenzia del farmaco
Dove c’è una nomina, c’è Lotti. Ministri furiosi

Sarà l’inesperienza unita alla brama di potere, ma se c’è un uomo politico che in questo momento dovrebbe stare assai defilato, questo è Luca Lotti. Invece, nonostante sia indagato per rivelazione del segreto d’ufficio nel caso Consip, una vicenda delicatissima per la quale c’è stato un voto in Parlamento e presto ce ne sarà un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.