Dora, la donna a cui Picasso rubò la testa. E il mezzobusto

Nel romanzo di Enzo Restagno la storia della gran dama ritratta nella “Guernica”. L’amato artista vendette il suo bronzo facendolo passare per quello di Apollinaire
Dora, la donna a cui Picasso rubò la testa. E il mezzobusto

Il 16 luglio 1997 una signora novantenne morì d’improvviso in una strada parigina. Usciva pochissimo ed era ridotta in miseria. Aveva forti disturbi psichici e Jacques Lacan, che negli Anni Cinquanta l’aveva avuta quale paziente, aveva incoraggiato la sua mania religiosa ritenendo che potesse fare da diga al dilagare della follia. La donna mandava continue […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.