Dopo sette anni, di nuovo il sangue dei battenti di Guardia Sanframondi

Nel paesino del Beneventano si è rinnovato ieri mattina uno dei riti più originali e complessi al mondo

L’ordine arriva con un grido lacerante ma allo stesso tempo perentorio. “Fratelli, in nome di Maria, con forza e coraggio, battetevi”. A quel punto centinaia di incappucciati bianchi, con la veste strappata in corrispondenza del petto e del cuore, iniziano a battersi. Nella mano sinistra un piccolo crocifisso, in quella destra “la spugna”, cioè un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.