Dopo l’Isis: cibo e farmaci scarsi, la libertà è una sigaretta

Mosul - Nel campo di Al Qayyara alle prese con bisogni primari di chi è fuggito dalla “capitale” del Califfato: coperte, un pezzo di pane
Dopo l’Isis: cibo e farmaci scarsi, la libertà è una sigaretta

Tre uomini fumano sul retro della loro tenda. Una sigaretta tira l’altra. “Ora siamo liberi di farlo – mi dicono – con l’Isis era vietato”. Quando ci avviciniamo, salutano cordialmente, ma non si alzano: le facce sono stanche, le teste chine. Un altro gruppo si accalca per una distribuzione di cibo, le forze di sicurezza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.