Dopo l’inchiesta l’Eni modifica l’impianto

L’azienda cede alle indicazioni della Procura: lavori per evitare l’inquinamento
Dopo l’inchiesta l’Eni modifica l’impianto

Il presidente dell’Eni, Emma Marcegaglia, pochi giorni fa l’ha definita una “piccola modifica”. In realtà, Eni ha deciso di adeguare l’impianto di Viggiano alle richieste avanzate dai periti della procura di Potenza che, dopo aver vagliato la “piccola modifica”, l’hanno giudicata idonea a evitare il traffico illecito di rifiuti che ha determinato il sequestro del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.