Dopo l’apocalisse resta solo quello che non cambia mai: un padre, i figli, la morte

Lo stile di Gipi continua a cambiare, nuovo ma coerente
Dopo l’apocalisse resta solo quello che non cambia mai: un padre, i figli, la morte

Ormai l’attesa per i nuovi lavori di Gipi è così alta che il rischio delusione incombe: dopo unastoria che è arrivato addirittura in finale al premio Strega, era difficile fare di meglio. Ma Gianni Pacinotti si è guadagnato la fama di più importante fumettista italiano anche, e forse soprattutto, perché si è sempre rifiutato di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.