“Don Carlo”: testamento politico di Verdi e fine dell’illusione d’amore

Al Teatro Nazionale croato di Zagabria, Elio Boncompagni realizza la volontà dell’autore
“Don Carlo”: testamento politico di Verdi e fine dell’illusione d’amore

Pochi giorni fa ho scritto della Jérusalem di Verdi, la prima delle sue Opere francesi, facendo l’amara osservazione che per vederla, e ascoltarla, in un allestimento fedele e apprezzabile sono dovuto andare fino a Liegi. A più forte ragione parlo ora del Don Carlos, messo ora in scena al Teatro Nazionale Croato di Zagabria sotto […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.