“Disgraced”, la New York salottiera e radical chic (non) vede l’integrazione

Arriva la pièce vincitrice del Pulitzer nel 2013. “L’esperienza americana è definita dal paradigma di rottura e rinnovamento tipico del migrante” ha spiegato l’autore di origini pachistane
“Disgraced”, la New York salottiera e radical chic (non) vede l’integrazione

Di cosa parliamo quando parliamo di integrazione? Chi integra si chiede mai cosa provi l’integrato? Se no, è utile leggere o vedere Disgraced di Ayad Akhtar, pièce vincitrice del Pulitzer nel 2013: “L’esperienza americana è definita dal paradigma di rottura e rinnovamento tipico del migrante – ha spiegato l’autore di origini pachistane –. La rottura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.