Diele, l’eroe delle fiction e l’odio della Rete

Che cos’è il successo?, chiede Enzo Biagi a Pasolini. Il successo, risponde Pasolini, è sempre una cosa brutta per un uomo. È l’altra faccia della persecuzione. Questa eterna verità viene elevata al cubo nell’era di Internet, come dimostra il caso dell’attore Domenico Diele. A volte la realtà non si accontenta di superare la fantasia, decide […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.