Diede del “nazista” al leader del Carroccio, prosciolto Ferrero

Diede del “nazista”  al leader del Carroccio, prosciolto Ferrero

È stato prosciolto “perché il fatto non costituisce reato” Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione comunista, che era stato imputato di diffamazione per avere definito “nazista” Matteo Salvini, leader della Lega Nord. Al segretario del Prc erano state contestate alcune affermazioni postate su Facebook il 19 aprile 2015, tra cui “Salvini non è uno sciacallo ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.