Di Maio-Salvini, la guerra finta dietro l’accordo

Mossa - Il capo del M5S diserta il pre-vertice come il leghista, e lascia che a litigare siano gli sherpa
Di Maio-Salvini, la guerra finta dietro l’accordo

Prima ha fatto una guerra (abbastanza) finta all’alleato che voleva un condono largo, di quelli vecchio stile. Poi ha giurato di aver vinto, “perché abbiamo annacquato la dichiarazione integrativa” come ripetono come una parola d’ordine nel M5S. Rivendicando di aver scongiurato la sanatoria con la soglia massima da mezzo milione di euro che pretendeva la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.