» Cronaca
mercoledì 16/05/2018

Di clausura ma non troppo Le suore sbarcano su Fb

Via libera dal Papa all’uso dei social per le comunità di vita consacrata
Di clausura ma non troppo Le suore sbarcano su Fb

Ora et share, prega e condividi: abbondantemente la prima, con discrezione la seconda affinché i social network non alterino la dimensione contemplativa e spirituale della clausura.

Il Vaticano ha diffuso nei giorni scorsi l’Istruzione “Cor Orans”, un testo che dà le indicazioni sui canoni e i parametri da applicare alla vita contemplativa femminile – redatta dalla Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica – che è stata approvata da Papa Francesco. Se da un lato restano fermi i principi sulla separazione fisica delle monache di clausura dal resto del mondo, grate incluse, dall’altro la Santa Sede dà le indicazioni sull’uso di telefonini, social, computer e tv: nessuna proibizione totale ma un uso “con sobrietà”.

Le suore di clausura, oggi, sono 37.970 in tutto il mondo, dato considerato positivo a fronte del calo delle vocazioni. Potranno accedere ai media e utilizzare i social ma avendo cura di “non svuotare il silenzio contemplativo” e di non riempire “la clausura di rumori, di notizie e di parole”.

Si legge nel testo del Vaticano: “La normativa circa i mezzi di comunicazione sociale, in tutta la varietà in cui oggi si presenta, mira alla salvaguardia del raccoglimento e del silenzio: si può, infatti, svuotare il silenzio contemplativo quando si riempie la clausura di rumori, di notizie e di parole”. Si ribadisce che il raccoglimento e il silenzio sono fondamentali per la vita contemplativa in quanto “spazio necessario di ascolto e di ruminatio della Parola e presupposto per uno sguardo di fede che colga la presenza di Dio nella storia personale e in quella delle sorelle e nelle vicende del mondo”.

Si passa poi ad analizzare il metodo con cui questi mezzi devono essere usati, con citazioni e riferimenti alla Costituzione Apostolica di Papa Francesco: con “sobrietà e discrezione”, non solo per quanto riguarda i contenuti ma anche in relazione alla quantità delle informazioni e al tipo di comunicazione “affinché siano al servizio della formazione alla vita contemplativa e delle comunicazioni necessarie, e non occasione di dissipazione o di evasione della vita fraterna in fraternità, né danno per la vostra vocazione, né ostacolo per la vostra vita interamente dedita alla contemplazione”. Inoltre, devono stabilirsi delle direttive interne sulla gestione dei mezzi di comunicazione il cui uso “può essere consentito nel monastero, con prudente discernimento, ad utilità comune, secondo le disposizioni del Capitolo conventuale contenute nel progetto comunitario di vita”.

Indirizzi anche sul metodo: le monache, è l’indicazione, devono curare “la doverosa informazione sulla Chiesa e sul mondo” non con “la molteplicità delle notizie, ma sapendo coglierne l’essenziale alla luce di Dio, per portarle nella preghiera in sintonia con il cuore di Cristo”. Poco ma buono (almeno secondo il Papa).

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
La decisione del giudice

Fabrizio Corona potrà tornare sui suoi network

Fabrizio Corona potrà tornare a “svolgere la propria attività lavorativa” e, dato che “l’elemento pubblicitario e mediatico è una componente essenziale” della sua “peculiare attività”, potrà anche “utilizzare i social network” e rilasciare interviste ma non “con riferimento diretto all’andamento” dell’affidamento terapeutico in corso. Così il giudice della Sorveglianza Simone Luerti ha deciso di modificare queste e altre prescrizioni, allargandole, per l’ex “re dei paparazzi”.

L’affidamento terapeutico era stato concesso lo scorso 21 febbraio. L’ex “fotografo dei vip” era tornato a casa ma dalla sua abitazione, aveva stabilito il magistrato, non poteva uscire salvo che per andare nella comunità per “la prosecuzione di un programma di disintossicazione fisica e psicologica”, lontano dal suo “lavoro e dal suo ambiente”, entrambi “incompatibili con le esigenze trattamentali e terapeutiche”. Nel corso dei mesi le prescrizioni sono state allargate dal magistrato, fino a ieri quando, con un nuovo provvedimento, il giudice ha deciso di “dover contemperare le esigenze del corretto svolgimento della misura alternativa con le particolari esigenze lavorative” di Corona

Il Fatto Economico

La globalizzazione vittima anche dei tifosi dei mercati aperti

Italia

Coca, rabbia e tronchesi. E il Canaro diventò lupo

Da Amareno a Yogi, gli orsi della porta accanto
Cronaca
Marsica

Da Amareno a Yogi, gli orsi della porta accanto

di
“Il danno è incalcolabile”. Il crollo intasa il porto
Cronaca
La città divisa

“Il danno è incalcolabile”. Il crollo intasa il porto

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×