Destra, sinistra, X: il candidato prodigio che resta insondabile

Emmanuel Macron - Il leader di En Marche! ricorda le origini popolari ma si dice affrancato dai socialisti e rivendica di essere liberale
Destra, sinistra, X: il candidato prodigio che resta insondabile

Macron, o dell’ambiguità. Emmanuel si definisce “di sinistra” nell’autobiografia Révolution, apparsa nel 2016 ma scritta l’estate prima, sull’isola di Ré, ospite dell’amico, l’attore Fabrice Luchini. Però rivendica d’essere “liberale”. Politicamente l’hanno descritto “inafferrabile” (TV5 Monde), “figliol prodigo che si è emancipato da Hollande” (Antoine Fonteneau, giornalista e presentatore tv). C’è chi lo trova “troppo bello, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.