Delitto Peppino Impastato, Subranni depistatore salvato dalla prescrizione

Il gip di Palermo: “Le anomalie delle attività investigative del 1978 furono macroscopiche”
Delitto Peppino Impastato, Subranni depistatore salvato dalla prescrizione

Contro il generale Antonio Subranni le accuse di favoreggiamento sono ormai prescritte, ma l’ordinanza del gip di Palermo, Walter Turturici, conferma dopo 18 anni le conclusioni dell’Antimafia: le indagini sul delitto di Peppino Impastato, il militante di Democrazia Proletaria dilaniato dal tritolo il 9 maggio 1978, giorno del ritrovamento di Aldo Moro, furono depistate. Archiviando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.