Decreto dignità, scontro Di Maio-B. La Lega resta zitta

Lavoro - Il leader di Forza Italia attacca il governo: “Punisce le aziende”. I leghisti non commentano. Domani comincia l’iter in Parlamento
Decreto dignità, scontro Di Maio-B. La Lega resta zitta

Il silenzio non è rassicurante. Nel giorno in cui Silvio Berlusconi occupa una paginata del Corriere della Sera per attaccare le politiche del lavoro del governo gialloverde, la Lega non fiata. Nemmeno un sibilo per replicare al loro (ex) alleato che usa toni violentissimi contro il decreto dignità firmato dal ministro Luigi Di Maio. “Norme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.