Davide Casaleggio sospende Pizzarotti. Di Maio s’arrende

- Il “guru” Gianroberto voleva cacciarlo già nel 2014, ora il dissidente è a un passo dall’addio ai Cinque Stelle per non aver parlato dell’indagine su di lui che conosceva da febbraio

La resa dei conti con il sindaco ribelle, l’eterno dissidente. Ufficialmente piovuta perché non aveva detto a nessuno dell’avviso di garanzia: ma di fatto per mille motivi in più. Tante micce per la rottura definitiva, decisa da Milano, dall’erede del guru, Davide Casaleggio. E subìta dal candidato premier naturale Luigi Di Maio, che prende atto […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.