“Dancing Gomorra” confiscato e abbandonato

L’immobile, un tempo del re dei rifiuti Cipriano Chianese, è bloccato da un altro decreto di sequestro
“Dancing Gomorra” confiscato e abbandonato

Tra le foglie di edera si intravede appena l’ultimo nome: “Indios”. A Formia, provincia di Latina, per tutti è “Marina di Castellone”, il dancing-ristorante gestito per anni dal re delle ecomafie Cipriano Chianese. Di professione avvocato, originario di Parete, condannato in primo grado, lo scorso luglio, a 20 anni di reclusione per disastro ambientale e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.